Home Comunicato stampa Autismo e Pet Therapy, legame speciale: la storia di Paolo e del corso per Addestratore Cinofilo di CEF Publishing.

Autismo e Pet Therapy, legame speciale: la storia di Paolo e del corso per Addestratore Cinofilo di CEF Publishing.

10 minuto/i di lettura

Pet Therapy e autismo, legame speciale:

CEF Publishing regala a un ragazzo autistico

il suo corso per Addestratore Cinofilo

CEF Publishing, leader nella formazione a distanza e tra le prime BCorp in Italia, dimostra attraverso la sua esperienza 

lo straordinario potere terapeutico ed educativo della cura degli animali per le persone autistiche 

e rafforza il suo impegno nel sociale

CEF Publishing sempre più vicina alle persone e ai territori in cui opera. Nel solco della sua tradizione, che le ha fatto conquistare – tra le prime società in Italia – il titolo BCorp, CEF Publishing rinnova e rafforza il suo impegno nel sociale grazie a una nuova iniziativa.

CEF Publishing opera ogni giorno cercando di generare concretamente un impatto positivo su persone, comunità e ambiente. Condividendo i valori e gli obiettivi delle società Benifit Corporation, annualmente stanzia nel bilancio sociale un budget dedicato allo sviluppo di iniziative a favore di categorie svantaggiate o di volontariato attivo, supportando realtà che si impegnano a garantire pari opportunità e a promuovere il cambiamento sociale.

La storia di Paolo, ragazzo autistico con la passione per i cani

Proprio in questo contesto si inserisce l’iniziativa che vede protagonista Paolo, ragazzo autistico di una scuola siciliana. Paolo ha 17 anni e frequenta il Liceo scientifico Galileo Galilei di Palermo. In classe è sempre stato taciturno, con marcate difficoltà ad interagire con i compagni e gli insegnanti. Fino a quando la sua famiglia ha deciso, alcuni mesi fa, di regalargli un cane.

Per Paolo è stato subito amore a prima vista: le sue fragilità hanno iniziato a lasciare il passo a una maggiore fiducia in se stesso e nelle sue capacità. Amare l’animale gli ha via via insegnato ad esprimere meglio le sue emozioni, e prendersi cura di lui gli ha permesso di crescere, responsabilizzarsi e aumentare la sua autonomia in piccoli ma essenziali gesti quotidiani.

Da tempo ormai gli studi scientifici dimostrano il legame profondo che può nascere tra persone autistiche e cani, tanto che esistono diversi progetti in cui a bambini e ragazzi autistici vengono affiancati proprio cani addestrati, in grado di accompagnarli nella loro crescita. Giocare insieme, coccolare l’animale e prendersi cura di lui aiutano ad alleviare la tensione e lo stress, ad accrescere il senso di autostima e, in generale, entrare in relazione con un animale permette di raggiungere un senso di benessere. Negli ultimi decenni, con la Pet Therapy si è diffusa l’idea che la relazione uomo-animale possa davvero essere alla base di interventi riabilitativi, educativi e terapeutici per tutti coloro che vivono in condizioni di disabilità.

Lo sa bene la prof.ssa Donatella Candiloro, insegnante di sostegno di Paolo, che ha subito colto il potenziale educativo e umano di questa esperienza, tanto da immaginare una possibilità di futuro, anche lavorativo, per il ragazzo: diventare addestratore di cani. “Ho pensato che questa potesse essere un’occasione vera per un ragazzo come Paolo per mettersi in gioco e provare a rendersi autonomo, per quanto possibile” racconta. “Mi sono messa a cercare su Internet spunti e informazioni e ho trovato CEF Publishing, che ha tra i suoi corsi più richiesti proprio quello per Addestratore Cinofilo”.

Un corso messo a punto per acquisire quelle capacità tecniche che favoriscono l’intesa e il giusto equilibrio nel rapporto uomo-animale, nell’interesse di entrambi. Un corso che consente di acquisire tutte quelle conoscenze e abilità per lavorare in centri e scuole di addestramento, strutture di accoglienza o di recupero per cani.

Da qui la proposta di Rosaria Lubrano, Direttrice Marketing di CORSICEF® (marchio di CEF Publishing), di “regalare” a Paolo il corso online, consentendogli di seguire gratuitamente le lezioni a distanza. Paolo segue ormai da qualche mese il corso a distanza, supportato dai tanti strumenti online che CEF Publishing abitualmente utilizza con tutti i suoi corsisti, e seguito passo passo dalla docente.

Lezioni registrate, materiali da scaricare e organizzazione dei tempi secondo le esigenze – che rappresentano uno dei più grandi punti di forza di CORSICEF® – consentono a Paolo di ottenere il massimo risultato. Mentre ascolta le lezioni, Paolo disegna, cosa che adora fare, fissa a matita alcuni concetti, rielabora i pensieri, discute.

Il Liceo Galilei – spiega la Dirigente Dott.ssa Chiara Di Prima – vede nell’inclusione sociale la vera finalità educativa e formativa dei propri studenti, in particolare di quelli con bisogni speciali. Una scuola che si apre alla vita, che promuove competenze esperte e, nel contempo, sviluppa competenze civiche di solidarietà ed equità sociale.

Proprio in quest’ottica si è inserita anche l’iniziativa “Realizziamo un sogno”, una raccolta fondi perché ciascuno potesse contribuire alla costruzione di un’impresa comune: permettere a Paolo il prossimo anno di frequentare la parte pratica del corso, il vero e proprio addestramento presso un centro ENCI.

Abbiamo messo in campo le nostre risorse umane e materiali, coinvolgendo studenti, famiglie e territorio nel darci una mano. La risposta è stata straordinaria. Dimostrazione di una sensibilità che, se opportunamente sollecitata e incoraggiata, può garantire azioni sistemiche e sinergiche. Desidero esprimere sentimenti di gratitudine per coloro che hanno condiviso il nostro progetto e a CEF Publishing, per aver regalato a Paolo e alla nostra comunità scolastica la possibilità di fare di questo piccolo grande sogno una realtà”.

Questo è un piccolo grande progetto di ‘formazione speciale’ che sta concretamente aiutando questo ragazzo a costruire una sua autonomia per domani, facendo qualcosa che sa fare e che ama fare” spiega Rosaria Lubrano. “L’approccio del nostro corso a distanza, arricchito da una didattica innovativa, fa sì che anche ragazzi come Paolo possano costruirsi un futuro lavorativo. Ci auguriamo di poter dare vita a tante altre iniziative come questa in futuro”.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. Cagliari: murato vivo in un rudere; sequestrato un cagnolino. Denunciato il detentore.

Ora il piccolo può essere preso in affidamento da chi saprà donargli l’amore che merita Ch…