Home Associazioni Basta carrozze a trazione animale in Italia. Lanciata dall’OIPA una racclta firme.

Basta carrozze a trazione animale in Italia. Lanciata dall’OIPA una racclta firme.

5 minuto/i di lettura

Le firme saranno presentate al ministro delle Infrastrutture e trasporti Matteo Salvini. Le Amministrazioni locali, senza una previsione nazionale, non possono abolirle. La raccolta terminerà il 30 aprile prossimo

Lanciata una raccolta di firme dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) che chiede lo stop definitivo alle carrozze trainate da cavalli e a qualsiasi veicolo a trazione animale sulle strade d’Italia. La raccolta terminerà il 30 aprile prossimo. Le firme saranno presentate al ministro delle Infrastrutture e trasporti Matteo Salvini.

Le firme sono raccolte online, attraverso la pagina web del sito dell’associazione dedicata alla campagna, o attraverso il modulo che può essere stampato da chi voglia sostenere e diffondere la richiesta.

Considerando il rinnovato articolo 9 della Costituzione e la normativa che tutela il benessere degli animali, l’Oipa Italia con questa petizione chiede al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, di vietare la circolazione di veicoli a trazione animale a livello nazionale con una modifica al Codice della strada e di abolire l’art. 1 comma 2b della legge n. 21/1992, riconvertendo le carrozze trainate da cavalli in taxi o in veicoli elettrici.

«Non sono pochi purtroppo gli incidenti che hanno causato la morte o l’infortunio di cavalli delle carrozze ed è per questo che ne chiediamo il divieto di circolazione», ricorda il presidente dell’OipaMassimo Comparotto. «E anche il trattamento di questi animali ci preoccupa, poiché è difficile verificare se i cavalli siano sovraccaricati di lavoro e se abbiano riposo e cure adeguate. Alcuni Comuni hanno preso misure per regolamentare l’uso delle carrozze al fine di garantire il benessere degli animali e la sicurezza dei viaggiatori, regolamentazioni che possono includere limiti sulle ore di lavoro per i cavalli, requisiti per il riposo e per la cura veterinaria, nonché standard per la manutenzione delle carrozze stesse. Ma questo non basta: chiediamo allora, tutti insieme, che la legislazione riconsideri l’uso delle carrozze a trazione animale».

In Italia sono ormai poche decine i titolari di licenze in città come Roma, Firenze, Palermo, Messina e Pisa, tuttavia le Amministrazioni locali, senza una previsione nazionale, non possono abolirle. Lo testimonia la vicenda di Roma dove la delibera d’iniziativa popolare per l’abolizione delle “botticelle” e la loro riconversione, firmata da circa 10 mila cittadini, nel 2018 non passò per i pareri contrari dei Dipartimenti Ambiente e Mobilità poiché ritenuta in contrasto con la normativa nazionale (legge n. 21/1992).

La riconversione delle licenze delle carrozze in licenze taxi non solo sarebbe opportuna dal punto di vista etico, ma rappresenterebbe un segnale di sensibilità ecologica laddove si passasse alla trazione elettrica, così come è stato fatto nella Reggia di Caserta dove, dopo la morte tragica di un cavallo nell’agosto del 2020 per fatica e caldo, si è deciso di adottare per il trasporto dei turisti una flottiglia di golfcar. Un caso esemplare, da replicare a livello nazionale.

Clicca qui per andare alla pagina web della campagna per firmare online e per scaricare il modulo da stampare

 

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Associazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Roma. Al Bioparco è nata una otaria della California, secondogenita di Samantha e Boomer.

La famiglia di otarie della California del Bioparco di Roma si è allargata: dopo la femmin…