Home Attualità Gli animali domestici che potrebbero consumare il tuo corpo.

Gli animali domestici che potrebbero consumare il tuo corpo.

5 minuto/i di lettura

Se una persona muore inaspettatamente nella propria abitazione, sorge la possibilità che il suo animale domestico consumi parti del suo corpo, come gli arti e il viso. Questo fenomeno non è limitato a singoli casi anecdoticI: esistono numerosi documenti di cani, gatti e persino criceti che hanno fatto ricorso al corpo del loro ex proprietario come fonte di nutrimento. Questa situazione rappresenta una sfida significativa per la scienza forense, e il settore sta già cercando soluzioni per affrontare questo problema. Un articolo pubblicato su “Forensic Science, Medicine and Pathology” propone un sistema per riconoscere i segni lasciati dagli animali sui cadaveri, allo scopo di evitare interferenze nelle analisi.

Tre ricercatori dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Berna, in Svizzera, hanno condotto un’esplorazione attraverso 20 anni di registri nazionali, identificando sette casi significativi in cui gli esperti forensi hanno riscontrato alterazioni ai corpi causate dagli animali domestici. In alcuni casi, parti come il volto, la gola, le labbra e le dita erano state rimosse dai cadaveri.

Riorganizzando i dati e correlandoli all’animale domestico responsabile delle lesioni, il team ha sviluppato un diagramma di flusso che potrebbe risultare utile per gli scienziati forensi del futuro. Seguendo questo schema, gli investigatori potrebbero evitare difficoltà nel reperire informazioni accurate sulla scena della morte e ridurre il rischio di interpretare erroneamente tagli e ferite causati da cani e gatti.

L’attività post mortem degli animali domestici rappresenta una sfida per i medici chiamati a certificare un decesso. Uno studio condotto dall’Università di Berna indica che un animale può nutrirsi intorno all’area di una ferita inflitta dal suo proprietario, distruggendo così potenziali informazioni utili. Inoltre, i segni di morsi possono somigliare alle lesioni causate da altri esseri umani, come decapitazioni, tagli, graffi, ferite da arma da fuoco e persino morsi umani.

L’influenza degli animali su un cadavere si riflette anche sul processo di decomposizione. La rimozione (o consumo) dei tessuti molli, come vasi sanguigni, muscoli o grasso, accelera la decomposizione della carcassa. Questo effetto non è limitato solo agli animali domestici, ma include anche vertebrati “spazzini”, come i roditori.

I modi in cui cani e gatti si alimentano di un cadavere sono diversi. I cani tendono a concentrarsi su testa, collo, mani, addome, piedi e area genitale. D’altra parte, i felini preferiscono morsi e graffi, mostrando meno interesse complessivo per la carcassa. Nel caso dei gatti, se decidono di cibarsi di un corpo, è probabile che si concentrino sulla pelle del viso, della testa e del collo.

Analizzando la letteratura disponibile, gli autori concordano sul fatto che la fame non è l’unico motivo che spinge un animale domestico a consumare il corpo del suo proprietario. Il processo può essere innescato anche dalla curiosità; ad esempio, un cane potrebbe leccare il padrone nel tentativo di ottenere una reazione, finendo per morderlo e lacerare la pelle. “Con questo grafico, miriamo a standardizzare l’identificazione e la gestione della necrofagia degli animali nei casi pratici e a migliorare i dati di riferimento disponibili per l’analisi comparativa”, conclude lo studio.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Animali domestici: gli italiani sono i secondi in Europa per numero di possessori.

Con 32 milioni di animali domestici, l’Italia si colloca al secondo posto in Europa,…