Home Attualità La rinascita del cane senza volto: dalla segregazione, una nuova vita per Birillo.

La rinascita del cane senza volto: dalla segregazione, una nuova vita per Birillo.

1 minuto/i di lettura

Anziano e solo, detenuto in un garage nel Bresciano, al buio e nella totale incuria, a tal punto che era difficile distinguere la testa sotto strati e strati di pelo, escrementi e sporcizia. Strappato al suo triste destino di “cane senza volto” dalle guardie eco-zoofile dell’Oipa di Brescia, ora Birillo, a due mesi dal suo salvataggio, ha ripreso le sembianze di uno Shih Tzu e, soprattutto, nonostante qualche acciacco dovuto ai suoi 13 anni di età, ha ricominciato a vivere. Denunciati i proprietari per detenzione di animale in condizioni incompatibili con la sua natura e produttive di gravi sofferenze.

leggi tutto

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

#acasaconloro, la quarantena è social con i nostri animali.

In questi giorni di isolamento, avere con noi un cane, un gatto o un qualunque altro anima…