Home Associazioni Lav: «Quasi 2 milioni di animali uccisi per sperimentazione in Italia tra il 2019 e il 2022. La ricerca dovrebbe seguire l’esempio dell’UE».

Lav: «Quasi 2 milioni di animali uccisi per sperimentazione in Italia tra il 2019 e il 2022. La ricerca dovrebbe seguire l’esempio dell’UE».

3 minuto/i di lettura

Dal 2019 al 2022 sono stati soppressi quasi 2 milioni di animali nei laboratori italiani. Questo dato emerge dai rapporti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n.158 dell’8 luglio 2024 e analizzati dalla Lega Antivivisezione. La media annuale rimane molto alta, con oltre 482mila animali utilizzati e uccisi per fini sperimentali ogni anno. In dettaglio, si è passati da 548.933 animali nel 2019, considerato un anno record, a 451.991 nel 2020, una diminuzione probabilmente legata alla pandemia di Covid-19. Nel 2021, il numero è salito nuovamente a oltre mezzo milione, raggiungendo i 512.296, mentre nel 2022 è sceso a 420.506.

Particolarmente preoccupante è l’uso di cani, una specie protetta che dovrebbe essere utilizzata solo in casi eccezionali, con ben 2.323 cani uccisi tra il 2019 e il 2022. Questa specie è spesso impiegata in test invasivi di tossicologia, resistenza cardiaca e interventi dentali. Simili restrizioni legali valgono anche per i primati, ma i dati mostrano un alto numero di scimmie utilizzate, nonostante i vincoli normativi e le similitudini comportamentali con l’uomo. Tra le 1.579 scimmie impiegate, solo 16 provenivano da allevatori registrati nell’Unione Europea, mentre le altre erano importate da Paesi noti per la caccia illegale e la devastazione delle foreste, come Asia, Africa e Sud America.

Dei 1.933.726 animali uccisi a fini sperimentali, solo il 28% (691.014) è stato utilizzato per fini regolatori, rispondendo a obblighi di legge. Questo dato evidenzia la necessità di ridurre drasticamente il numero di animali usati nei laboratori. Inoltre, la presenza di 5.017 animali impiegati per l’istruzione e la formazione è inaccettabile, dato che in Italia è vietato usare animali per scopi didattici, salvo eccezioni per l’alta formazione universitaria, e vige dal 1993 la legge sull’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale.

Oltre il 50% degli animali è impiegato in esperimenti estremamente dolorosi, come fratture instabili, toracotomie senza analgesici, gabbie metaboliche con grave limitazione del movimento, scosse elettriche o trapianti con rigetto. A questi numeri si aggiungono progetti rinnovati senza adeguate valutazioni, portando all’uso e alla morte di centinaia di migliaia di animali per dati spesso non predittivi, dato che oltre il 95% della sperimentazione animale fallisce se applicata all’uomo.

Si sottolinea l’urgenza di una transizione verso tecnologie basate su modelli umani, sia per salvare gli animali che per curare le malattie umane.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Associazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

OIPA. Orsi trentini. Aggressione a turista: “Proteggere gli umani dagli orsi e gli orsi dagli umani”.

Troppe le azioni che la Provincia autonoma di Trento deve ancora da mettere in campo È tem…