Home Comunicato stampa LNDC Animal Protection. Richiesta l’archiviazione per il cane Aron: “Ci opporremo, ecco perché”.

LNDC Animal Protection. Richiesta l’archiviazione per il cane Aron: “Ci opporremo, ecco perché”.

4 minuto/i di lettura

L’uomo che ha dato fuoco al povero pitbull in mezzo alla strada e davanti a testimoni potrebbe continuare a restare a piede libero perché il PM ha chiesto l’archiviazione in quanto incapace di intendere e di volere ma non ci sarebbero strutture terapeutiche che lo possano accogliere come disposto dalla Procura. Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection: “È inaccettabile, Aron deve avere giustizia e questa persona deve essere messa in condizione di non nuocere ancora”

La vicenda di cui è stato vittima il povero Aron è ben nota a tutti. Quando quello che doveva essere il suo compagno di vita e il suo punto di riferimento lo ha legato a un palo e gli ha dato fuoco, la notizia ha fatto il giro di tutto il Paese e ha causato l’indignazione di tutti. LNDC Animal Protection si è subito attivata con il team legale per sporgere denuncia e seguire da vicino l’evoluzione di questa storia così drammatica e crudele.

Un’evoluzione che però sta prendendo una piega sbagliata, dato che il PM di Palermo ha richiesto l’archiviazione del caso perché il soggetto sarebbe stato giudicato incapace di intendere e di volere. Una valutazione che normalmente viene fatta in fase processuale, ma che in questo caso probabilmente è stata fatta già nella fase delle indagini. La procura avrebbe quindi chiesto e ottenuto dal Tribunale il suo ricovero in una comunità terapeutica, ma a quanto pare non ci sono posti disponibili e pertanto l’uomo sarebbe ancora a piede libero.

“È incredibile e inaccettabile che una persona evidentemente pericolosa possa restare libera di continuare a fare del male solo perché non si trova un posto dove collocarla. Non credo assolutamente che questa persona sia realmente incapace di intendere e di volere, cosa che verificheremo grazie alla documentazione che stiamo per visionare, ma comunque non si può tollerare questo tipo di epilogo. Aron deve avere giustizia e soprattutto questa persona deve essere messa in condizione di non rappresentare più un pericolo per tutti”, commenta Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection.

Stiamo esaminando i documenti e faremo di tutto per opporci alla richiesta di archiviazione presentata dal PM di Palermo, considerando la pericolosità del soggetto in questione al quale sono stati contestati diversi reati oltre all’uccisione di Aron”, fa sapere Michele Pezone – Responsabile Diritti Animali LNDC Animal Protection.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

LNCD. Orsi in Trentino, dubbi sulle cause di morte di F36. Le associazioni alla PAT: “L’esame autoptico era di un altro esemplare”.

Continua la battaglia legale di LNDC Animal Protection, LAV e WWF Italia per difendere gli…