Home Associazioni Milano. Due storie di maltrattamento. OIPA: sequestrati un pitbull ed un cane corso.

Milano. Due storie di maltrattamento. OIPA: sequestrati un pitbull ed un cane corso.

3 minuto/i di lettura

L’associazione invita a segnalare casi di degrado e maltrattamento e a rivolgersi sempre alle sue guardie zoofile che, nel pieno rispetto della privacy, possono intervenire per tutelare gli animali

Sempre in azione le guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) nella lotta ai maltrattamenti degli animali. Due i sequestri degli ultimi giorni svolti dal Nucleo di Milano. Un pitbull e un cane corso sono stati portati in salvo e ora attendono una nuova vita.

Il pitbull è stato sequestrato dalle guardie Oipa in collaborazione con i carabinieri di Motta Visconti e la polizia locale. «Il povero cane era denutrito e viveva relegato. Era detenuto in un balcone in condizioni igienico-sanitarie pessime», racconta Fabio D’Aquila, coordinatore delle guardie zoofile Oipa di Milano e provincia. «Non abbiamo potuto sanzionare il proprietario poiché è già aperto a suo carico un procedimento penale a seguito della denuncia di un privato. Il cane ora si trova nel canile sanitario di Sedriano dove verrà sottoposto ad accertamenti sanitari, dopodiché probabilmente sarà trasferito al canile del Comune in cui è stato sequestrato. Per lui è possibile chiedere un affido temporaneo fino alla fine dell’iter giudiziale, dopodiché sarà adottabile in via definitiva».

Il cane corso era legato a catena sul balcone 24 ore su 24, privo di acqua e costretto in quelle condizioni da circa sette mesi, come ha dichiarato la proprietaria che ha spiegato di non averlo mai portato in passeggiata dopo la separazione dal marito. Non solo: il cane non aveva neppure una regolare alimentazione, poiché al momento del sequestro era sottopeso di almeno 20 chili.

«Lo abbiamo sequestrato subito dopo la segnalazione per violazione della legge della Regione Lombardia n. 33/2009 e condotto nel canile municipale di Milano», spiega Fabio D’Aquila. «Siamo in attesa della confisca amministrativa e di trovare una nuova famiglia che lo possa accogliere per donargli una vera vita».

Per ulteriori informazioni e per segnalare situazioni sospette o di maltrattamento a Milano, scrivere a [email protected] o compilare il modulo online su https://www.guardiezoofile.info/milano

Per le segnalazioni in tutta Italia: https://www.guardiezoofile.info/nucleiattivi/

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Associazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Foie Gras, Lollobrigida interviene in EU per salvare milioni di anatre e oche. La lettera delle Associazioni.

Animal Equality, Animalisti Italiani, Essere Animali, LAV, LNDC Animal Protection e OIPA  …