Home Cronaca San Gallo (Svizzera). Quando le acque ghiacciano e imprigionano animali ignari.

San Gallo (Svizzera). Quando le acque ghiacciano e imprigionano animali ignari.

1 minuto/i di lettura

Più di 24 ore intrappolato con le zampe nel ghiaccio, se l’è vista brutta un cigno che è stato sorpreso lunedì dalle temperature siberiane mentre si trovava a mollo in un laghetto a Arbon (TG). I pompieri di Arbon e San Gallo, allertati ieri mattina, si sono mossi e hanno intrapreso un’azione congiunta di soccorso. Con l’utilizzo di un’apposita piattaforma un vigile del fuoco è riuscito a liberare l’animale: «Anche se era esausto ha provato a scappare e a volare via», ha raccontato a 20 Minuten il portavoce dei pompieri sangallesi René Sonderegger. L’animale è poi stato catturato e preso in cura. Non è stata così fortunata, invece, una volpe trovata morta congelata all’interno di una pozza nel canton Friborgo: «Non so spiegarmi come sia successo», ha commentato l’escursionista che l’ha scoperta a 20 Minuten, «si tratta di uno specchio d’acqua piccolo e poco profondo, al massimo 30 centimetri». L’ipotesi è che sia finita nell’acqua mentre stava provando ad attraversare.

fonte: https://www.tio.ch

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

LNCD. Orsi in Trentino, dubbi sulle cause di morte di F36. Le associazioni alla PAT: “L’esame autoptico era di un altro esemplare”.

Continua la battaglia legale di LNDC Animal Protection, LAV e WWF Italia per difendere gli…