Home Attualità Sinergia tra nord e sud per combattere il randagismo con il progetto nelle masserie “Amare significa sterilizzare”.

Sinergia tra nord e sud per combattere il randagismo con il progetto nelle masserie “Amare significa sterilizzare”.

5 minuto/i di lettura

La Sezione milanese di LNDC (Lega Nazionale per la Difesa del Cane) Animal Protection ha dato il via questa settimana al progetto “Amare significa sterilizzare” in sinergia con quella di Altamura, Bari, avviando insieme una raccolta fondi a sostegno dell’iniziativa. «Ci hanno già contattato una trentina di masserie, ognuna ha una media di 6-7 cani che spesso arrivano dalle campagne. L’obiettivo è censire i cani, sterilizzare tutte le femmine e gestire a nostre spese tutte le fasi del processo», ha affermato Andrea Notaro, referente per Segrate.

Interrompere alla base la nascita di nuovi cuccioli sterilizzando le femmine, per cercare di fermare il randagismo alla fonte grazie a un’operazione strategica e coordinata di sinergia tra la sezione LNDC (Lega Nazionale per la difesa del cane) Animal Protection di Milano e quella di Altamura, Bari, che hanno avviato una raccolta fondi condivisa per sostenere l’iniziativa “Amare significa sterilizzare”. Il progetto, partito a inizio settimana, è nato per cercare di arginare all’origine il fenomeno del randagismo in una zona vasta e ricca di numerose masserie.

«Siamo scesi ad Altamura lunedì scorso e l’obiettivo è quello di sterilizzare almeno 20 femmine arrivando a questa domenica» ha affermato Andrea Notaro, referente LNDC Animal Protection della Sezione di Milano: «Riceviamo continuamente dal sud tantissimi appelli di cani che cercano una nuova vita al nord e, grazie alla stretta e proficua collaborazione con la sezione di Altamura che da anni lavora senza sosta per gestire al meglio il randagismo nella propria zona, abbiamo deciso di dare una mano concreta. L’obiettivo è censire i tanti cani di proprietà delle masserie, che spesso arrivano dalle campagne e si stabiliscono lì, andarli a prendere, sterilizzare a nostre spese le femmine che altrimenti continuerebbero a fare cuccioli, occupandoci anche del post intervento, con i farmaci idonei e un’adeguata degenza». 

Grazie alla efficace comunicazione dell’iniziativa gratuita nell’area interessata, la sezione LNDC Animal Protection di Altamura è già stata contatta da una trentina di masserie della zona che si sono messe in lista per aderire al progetto pilota che, dopo questa prima settimana, proseguirà nei prossimi mesi.

«Continueremo con i nostri volontari e veterinari, forti del supporto continuo della Sezione di Milano, che ha portato anche un furgone di cibo per gli ospiti del nostro canile, purtroppo ancora tanti», ha aggiunto Marina Colonna, Presidente della Sezione LNDC Animal Protection di Altamura: «Per il progetto “Amare significa sterilizzare” mettiamo in campo ogni giorno a rotazione 5-6 volontari dei circa 20 che danno il loro preziosissimo contributo alla gestione del canile».

I volontari della sezione LNDC Animal Protection di Segrate torneranno ad Altamura a inizio estate, seguendo e supportando da remoto il progetto nelle settimane a venire. «È stato fondamentale avere reso l’iniziativa totalmente gratuita e con dispendio di tempo zero per le masserie, incentivandole così a partecipare al progetto pilota» ha aggiunto Andrea Notaro: «Successivamente vorremmo attivare un’iniziativa analoga in collaborazione con la sezione LNDC Animal Protection di Carbonia, Sardegna, area in cui è presente un alto numero di cani randagi e di cuccioli che continuano a nascere e ad avere davanti a sé un futuro tutt’altro che roseo». 

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

LNCD. Orsi in Trentino, dubbi sulle cause di morte di F36. Le associazioni alla PAT: “L’esame autoptico era di un altro esemplare”.

Continua la battaglia legale di LNDC Animal Protection, LAV e WWF Italia per difendere gli…