Home Comunicato stampa Test sugli animali in UE, le lacrime e lo sconcerto dei vip e l’appello a firmare iniziativa dei cittadini.

Test sugli animali in UE, le lacrime e lo sconcerto dei vip e l’appello a firmare iniziativa dei cittadini.

4 minuto/i di lettura

In un video della Peta, il cantautore Red Canzian, gli attori Loredana CannataClaudio ColicaElisa Di EusanioMassimo Wertmüller Claudia Zanella, la blogger Chiara Canzian e la conduttrice Daniela Martani reagiscono con lacrime e sconcerto alla vista delle riprese realizzate nei laboratori europei che svolgono test sugli animali.

Il video, esorta gli italiani a firmare l’Iniziativa dei cittadini europei (Ice) che chiede la transizione verso una scienza animal-free e il rafforzamento del divieto dell’UE di effettuare sugli animali i test dei cosmetici. Se la petizione raccoglierà un milione di firme verificate di cittadini dell’UE entro il 31 agosto, la Commissione europea sarà obbligata a portare avanti l’iniziativa. A oggi sono state raccolte in tutta l’UE circa 878 mila firme. In Italia abbiamo bisogno di almeno altre 10 mila firme per raggiungere la soglia minima per la validazione delle firme120 mila a livello europeo.

L’Ice, promossa e sostenuta in Italia dall’Oipa insieme a Peta, LavEnpaAnimalisti italianiAliPartito Animalista e Leal, chiede l’istituzione di un piano per porre fine a tutti gli esperimenti sugli animali in Europa.

“Dovrebbero trasmetterle in prima serata queste immagini e farle vedere a tutto il mondo”, dice Daniela Martani  nel video. “Non posso più guardare,” dice Claudia Zanella. “E se non li salviamo noi e non li aiutiamo noi, chi li aiuta?” chiede Elisa Di Eusanio.

Circa nove milioni di topi, ratti, pesci, cani e altri animali vengono utilizzati ogni anno per esperimenti crudeli e altri procedimenti nell’UE. La maggior parte dei test non riesce a fornire previsioni affidabili circa gli effetti sugli esseri umani, tuttavia gli sperimentatori immobilizzano cani, conigli e porcellini d’India e applicano deliberatamente sostanze chimiche potenzialmente tossiche sulla loro pelle rasata o gliele spingono in gola, provocando negli animali lo sviluppo di tumori o ustioni, o rendendoli ciechi.

“Per favore, unisciti a me, perché è urgente e non abbiamo più tempo. Firma ora l’Iniziativa dei cittadini europei per un’Europa senza esperimenti sugli animali”, esortano gli otto gli artisti italiani  nel video-appello.

«Il Regolamento Reach stabilisce che qualunque sostanza chimica con la quale l’uomo può venire in contatto debba essere testata sugli animali, qualora non siano disponibili metodi sostitutivi. Questo significa che è possibile il ricorso a escamotage da parte delle aziende per continuare a sperimentare su animali anche sostanze che poi rientreranno nell’industria della cosmesi», spiegata il presidente dell’OipaMassimo Comparotto. «L’iniziativa europea che sosteniamo è volta a superare questa contraddizione tra Regolamenti. È ora di superare i test crudeli e arcaici praticati sugli animali, inaugurando finalmente una nuova era in cui la scienza non faccia più ricorso alla sperimentazione in vivo».

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Kenya. Giocare a golf in mezzo agli animali selvatici, l’idea per aiutarne la sopravvivenza.

Sguardo sulla pallina, mente concentrata sul proprio corpo per fare il movimento giusto pe…