Home Attualità Un cucciolo sotto l’albero: perché realizzare un sogno che accompagna giovani e adulti per tutta la vita.

Un cucciolo sotto l’albero: perché realizzare un sogno che accompagna giovani e adulti per tutta la vita.

8 minuto/i di lettura

Che crescere con un amico a quattro zampe sia benefico per i bambini e adulti è ben noto. Numerosi studi dimostrano i vantaggi di avere un animale domestico nelle sfere emotive, comunicative, educative e relazionali di un bambino, e gli esperti raccomandano sempre di considerare la pet therapy come un modo efficace per prendersi cura dei più piccoli in presenza di condizioni particolari di disagio psicofisico. Inoltre, si sa: tra i bambini e gli animali c’è sempre un colpo di fulmine!

Ed è proprio a causa di questo legame istintivo che un pensiero può nascere spontaneamente: regalare un cucciolo peloso ai nostri piccoli di casa per avere un fratellino o una sorellina a cui legarsi. Un’idea bellissima, ma da non prendere sottogamba. Ecco quali sono secondo Sanicat i 5 punti da valutare bene. Perché se il Natale dura un giorno e mezzo, un gattino dura per tutta la vita!

I 5 punti da valutare con attenzione

Prendere un animale è una decisione molto importante che va ponderata e presa con consapevolezza. Un animale in casa comporta responsabilità, costi e modifiche nelle abitudini di vita, è un profondo cambiamento per tutta la famiglia, una scelta che dovrebbe essere presa con attenzione.

  1. Esseri viventi e non giocattoli. Cani e gatti non sono oggetti d’arredo, ma creature viventi che nel momento in cui varcano la soglia di casa entrano a far parte della famiglia. Non essendo oggetti, vanno trattati come fratelli e sorelle dai più piccoli e come nuovi figli dai più grandi. Non bisogna assolutamente trasmettere al bambino il messaggio errato che l’animale sia paragonabile a un oggetto, come quel giocattolo ugualmente trovato sotto l’albero la mattina di Natale.
  2. Responsabilità. Il gattino starà con voi durante le feste di Natale e imparerà a conoscervi, ma negli anni a venire sarà parte della famiglia, anche quando vorrete trascorrere il weekend fuori casa, partire per vacanze esotiche d’estate o trascorrere i ponti annuali in capitali europee. Avete pensato a dove starà lui? Il tema va affrontato ancora prima di averlo in casa perché non è un pacco da lasciare fuori dalla porta di casa di parenti e amici al bisogno.
  3. Carattere, disastri ed eventi negativi. Prima di prendere un gatto – cucciolo o adulto – dovete chiedervi se siete disposti a tollerare anche il negativo che potrebbe presentarsi. Accetterete di essere graffiati o di vedere soffiare ai vostri figli perché hanno trattato il gatto in modo inappropriato? Siete disposti ad avere la casa piena di peli, i divani graffiati e non più perfetti o di raccogliere sabbietta in giro per casa? per quanto banali non sono cose da sottovalutare perché una volta entrato in famiglia non può uscirne con un battito di ciglia. Bisogna valutare con attenzione tutto ciò che potrebbe accadere in vostra assenza o in vostra presenza e soprattutto la vostra reazione a un danno.
  4. Avete considerato il costo? Adottare un cucciolo prevede ovviamente dei costi e delle spese: vanno nutriti con diete che soddisfino le loro necessità in base all’età, allo stile di vita e a eventuali patologie o intolleranze, vanno portati dal veterinario con costanza e bisogna sottoporli a vaccinazioni e cure se malati o infortunati.
  5. Acquisto o adozione? Se si è valutato in modo consapevole l’acquisto di un animale la scelta più opportuna è di rivolgersi a un negozio specializzato o a un allevamento qualificato in modo da ricevere la documentazione e il certificato sanitario con indicato il numero di microchip. Cagnolini e micetti di pochi mesi conquistano al primo sguardo, ma potreste valutare anche gli adulti, che hanno il carattere già formato. Nei rifugi e nei gattili ci sono tantissimi trovatelli in cerca di amore e di una casa.

E se state aspettando un micino a casa preparategli il perfetto ambiente domestico per farlo sentire a suo agio: l’angolo della pappa, una zona appartata in cui può accoccolarsi e una zona lettiera perfetta.

Per i più piccini Sanicat ha creato Sanicat Kitten, una lettiera da addestramento non agglomerante a base di argilla e minerali naturali, destinata ai gattini (ma anche ai gatti sensibili), con una delicata fragranza di valeriana che stimola la curiosità del gattino e pian piano lo invoglia a utilizzare la lettiera. Si distingue per la sua capacità super assorbente, per l’assenza di polvere e la tecnologia Oxygen Odour Control di Sanicat, che sfrutta il potere naturale del processo di ossigenazione per neutralizzare e decomporre i cattivi odori.
Non essendo agglomerante e di granuli finissimi, Kitten litter è ideale per gattini e gatti sensibili, perché non è pericolosa se viene ingerita, risultando inoltre morbida e confortevole per le piccole e sensibili zampine.

 

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA: “La Lega ostacola la PDL Brambilla sulle pene, affonda l’emendamento sulla caccia”.

L’associazione auspica che siede il Parlamento rifletta sulla condizione animale e sulla n…