Home Attualità Uomini contro animali, e nessun vincitore.

Uomini contro animali, e nessun vincitore.

1 minuto/i di lettura

La popolazione umana è in costante crescita e gli uomini sono sempre più in competizione con altre specie per l’uso della terra, dell’acqua e di altre risorse, in una situazione che si fa progressivamente più tesa e che a volte porta perfino alla morte. Ma esistono soluzioni volte a ridurre l’incidenza dei conflitti uomo-animale? Sì, e ne è convinta la dottoressa Alexandra Zimmermann, a capo della task force per i conflitti tra uomo e animali selvatici, creata nel 2016 su richiesta della Commissione per la sopravvivenza delle specie (SSC) della IUCN, International Union for Conservation of Nature. Si tratta di un gruppo internazionale di esperti su varie tematiche connesse alla conservazione e alla tutela degli animali selvatici, che lavora con un approccio interdisciplinare al fine di mitigare e prevenire le situazioni di conflitto tra la natura selvaggia nelle sue varie forme e la vita umana, con lo scopo di fornire contemporaneamente informazioni e linee guida per le migliori pratiche da considerare in situazioni in cui la relazione è particolarmente difficile.

leggi tutto

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Volpe conquistata da una merendina: lʼincontro ravvicinato tra lʼuomo e lʼanimale.

Sembra una storia da “Piccolo Principe”, invece è accaduto davvvero. Nella str…