Home Attualità Zecche: quando dagli animali passano all’uomo.

Zecche: quando dagli animali passano all’uomo.

1 minuto/i di lettura

I proprietari che dormono con i loro cani o che da questi si lasciano leccare la faccia, non hanno una maggiore probabilità di condividere gli stessi ceppi di batteri (E. Coli) dei loro cani rispetto ai proprietari che si comportano diversamente. Lo suggerisce uno studio in via di pubblicazione. Il 10% delle coppie cane-uomo condivideva gli stessi ceppi di E. coli. Inoltre, il batterio mostrava più spesso resistenza ai comuni antibiotici di quanto atteso, anche se i ceppi antibioticoresistenti erano più frequenti nei proprietari che nei loro cani. I risultati, osservano gli autori, suggeriscono che la trasmissione di batteri resistenti agli antibiotici dal cane al proprietario è improbabile, mentre è possibile che i proprietari li trasmettano ai loro animali. Sono pertanto sufficienti le normali norme igieniche per evitare la trasmissione di batteri tra animali e uomo.

leggi tutto

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Transumanza: quando sulla passerella sfila il bestiame.

“Settembre, andiamo. È tempo di migrare” scriveva D’Annunzio con nostalgia a proposito del…