Home Cronaca Caluso (TO). Allevatori accusati di torture «Già condannati, ma amiamo i cavalli»

Caluso (TO). Allevatori accusati di torture «Già condannati, ma amiamo i cavalli»

1 minuto/i di lettura

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Camilla Cassina, 29 anni, e Salvatore Crivelli, di 63, la coppia di conviventi arrestata lo scorso martedì dai carabinieri di Chivasso con l’accusa di lesioni gravi, sequestro di persona, e tentata estorsione nei confronti del loro istruttore e stalliere, Giovanni Santi, 61 anni, di Ciriè. Hanno preferito non rispondere alle domande poste loro nell’interrogatorio di garanzia, fissato giovedì davanti al gip del Tribunale ad Ivrea. I loro avvocati Mario Benni ed Erasmo Geusa li descrivono profondamente provati e scoraggiati, vittime di un processo mediatico che di fatto li ha già condannati senza sentire la loro versione. E senza attendere le fasi processuali.
Dal loro alloggio a pochi metri dal maneggio, in cui sono stati messi agli arresti domiciliari, la coppia non vuole parlare. «Noi amiamo profondamente i cavalli che sono tutta la nostra vita – ci tiene però a dire Carvelli -. Quando uno di loro si ammala Camilla mette la brandina nel box e dorme con lui finché non guarisce».

leggi tutto e guarda il video

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Siracusa. Sbranato da tre cani mentre consegnava un pacco: maxirisarcimento dal padrone degli animali.

Giustizia è fatta secondo la famiglia di Agatino Zuccaro, corriere espresso di 55 anni, mo…