Home Cronaca Chernobyl. 33 anni dopo il disastro gli animali si sono geneticamente ‘automodificati’.

Chernobyl. 33 anni dopo il disastro gli animali si sono geneticamente ‘automodificati’.

1 minuto/i di lettura

Dopo il disastro del 26 aprile 1986, quando il reattore numero 4 della centrale nucleare esplose rilasciando una quantità di radiazioni 400 volte superiori a quelle dell’atomica di Hiroshima, a Chernobyl venne istituita una “zona di alienazione”, proibita a chiunque per un raggio di circa 30 chilometri. Gli esperti spiegarono che l’area sarebbe stata invivibile per esseri umani e animali per secoli: non è stato così. 33 anni dopo nella “zona di alienazione” vivono cani, gatti, volpi, orsi bruni, bisonti, lupi, linci. E ancora cavalli, pesci e oltre 200 specie di uccelli. Che si sono “adattati”.

guarda il video

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Genova. Ancora un cinghiale morto avvelenato. Apprensione per igiene e animali domestici.

Ancora un cinghiale morto a causa di un probabile avvelenamento per mano di umano, è stata…