Home Attualità Gli uccelli cantori seguono la guida di due esperti del canto.

Gli uccelli cantori seguono la guida di due esperti del canto.

2 minuto/i di lettura

Due geni che influenzano il canto degli uccelli sono gli stessi responsabili del linguaggio umano, secondo uno studio condotto dall’Università di Uppsala in Svezia e pubblicato su “Nature Communications”.

Gli studiosi hanno condotto un’analisi sui canti di oltre cento esemplari di due specie di picchi sudafricani: i barbettini fronte rossa (Pogoniulus) e i barbettini fronte gialla. In queste specie, il canto è innato. Al contrario, in altre specie come i passeriformi, i giovani imparano il canto dai genitori, rendendoli suscettibili agli effetti dei cambiamenti ambientali.

“Finora c’è stata poca ricerca sulle basi genetiche dei comportamenti animali, un compito complesso poiché è difficile distinguere tra apprendimento culturale e caratteristiche innate. Tuttavia, con i barbettini fronte rossa, siamo stati in grado di farlo”, ha spiegato Matteo Sebastianelli, il ricercatore principale dello studio.

Queste specie di picchi hanno un canto relativamente semplice, determinato principalmente dalla frequenza e dalla velocità delle note, e non è trasmesso attraverso l’apprendimento dai genitori.

Analizzando i canti delle due specie, i ricercatori hanno individuato delle differenze nel ritmo dei canti che sembrano servire a delineare una sorta di confine tra le due specie, limitando così l’incrocio tra di loro, soprattutto nelle regioni dove condividono lo stesso habitat. Inoltre, l’analisi del genoma di 135 esemplari ha rivelato che queste differenze sono associate a due geni specifici: Neurexin-1 e Coenzyme Q8A. È interessante notare che questi stessi geni sono presenti anche nell’uomo e sono ampiamente associati a disturbi del linguaggio.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. NATURE RESTORATION LAW. APPROVATA LA LEGGE EUROPEA PER IL RIPRISTINO DELLA NATURA, MA L’ITALIA HA VOTATO CONTRO.

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) accoglie con grande soddisfazion…