Home Comunicato stampa Guerra Israele Hamas, è emergenza anche per gli animali. La raccolta fondi OIPA.

Guerra Israele Hamas, è emergenza anche per gli animali. La raccolta fondi OIPA.

8 minuto/i di lettura

Sul campo anche volontari che rischiano la propria vita per aiutare gli animali. Ecco come partecipare alla raccolta fondi

È emergenza anche per gli animali vittime della guerra in Medio Oriente. L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) è in contatto con le sue leghe-membro a Gaza e in Cisgiordania i cui volontari sono sul campo per salvare gli animali anche a rischio della propria vita.

Non potendo al momento fornire direttamente aiuti materiali, l’Oipa ha promosso in Italia la raccolta fondi “Emergenza animali Gaza – Cisgiordania” i cui proventi saranno devoluti alle associazioni che operano sul territorio collegate a Oipa International.

Ecco il contesto in cui sono in azione i volontari.

LA SITUAZIONE NELLA STRISCIA DI GAZA

Nella Striscia di Gaza, al momento devastata dagli attacchi e totalmente inaccessibile, opera l’organizzazione “Sulala Animal Rescue”, che si occupa di accudire i randagi sul territorio e di salvare cani e gatti che hanno bisogno di cure mediche, o abbandonati, accogliendoli nel proprio rifugio. È l’unica organizzazione animalista presente nella Striscia di Gaza.

«Con l’escalation dei bombardamenti, numerosi cani sono arrivati al rifugio spontaneamente alla ricerca di un posto sicuro dove trovare riparo e, di fronte a questo particolare fenomeno, i volontari hanno aperto un varco nella struttura per permettere loro di entrare autonomamente», racconta la responsabile delle Relazioni internazionali dell’OipaValentina Bagnato. «Per il momento l’associazione riesce ancora a fornire cibo e acqua, ma le scorte presto finiranno».

Al momento è impossibile inviare aiuti materiali direttamente ed è per questo che l’Oipa ha avviato una raccolta fondi da inviare all’associazione. Le donazioni serviranno ai volontari per acquistare localmente cibo (per ora ancora disponibile) per i loro animali, per i randagi e per quelli delle famiglie che stanno scappando e che chiedono continuamente aiuto non avendo più nulla.

«Purtroppo, molte pompe di benzina iniziano ad essere vuote ed è sempre più difficile muoversi per raggiungere il rifugio», continua Valentina Bagnato. «Per avere gli animali più vicini e poterli seguire quotidianamente, si sta tentando di evacuarli e trasferirli in aree al momento più sicure. L’evacuazione degli animali dal rifugio non è facile, ma si sta tentando l’impossibile».

A oggi sono stati evacuati tutti i 120 gatti e trasferiti in un’area nella zona del Wadi Gaza e circa 50 cani, di cui 20 disabili, sono già stati spostati e messi in sicurezza in zone più vicine alle case dei volontari sperando che la situazione non degeneri ulteriormente.

I contatti dell’associazione Sulala Animal Rescue:

FB: https://www.facebook.com/SulalaSociety
Ig: https://www.instagram.com/sulalaanimalrescue/
Sito: https://sulalaanimalrescue.com/
PayPal: https://www.paypal.com/paypalme/HelpStreetAnimal

LA SITUAZIONE IN CISGIORDANIA

Un’altra zona che sta destando notevole preoccupazione è la Cisgiordania dove opera la lega membro dell’Oipa “AEA Bethlehem Shelter”.>

In quest’area si sta vivendo una situazione di estrema incertezza e preoccupazione: le scorte di cibo per gli animali stanno finendo e la presenza di checkpoint limita l’accesso a ulteriori approvvigionamenti. Il rifugio è situato a 10 minuti di distanza dai 300 checkpoint israeliani e da altri insediamenti e a 500 metri da una torre di controllo israeliana. Sono circondati dal pericolo.

L’associazione si occupa, oltre di cani e gatti del rifugio, anche dei randagi che stanno vivendo la devastazione della guerra e che possono contare soltanto sui volontari per il loro sostentamento, volontari che continuano a fornire loro cibo e acqua mettendo anche a rischio la propria vita.

L’associazione sta facendo anche appello ai residenti chiedendo di fornire coperte e lenzuola vecchie e inutilizzate per riscaldare gli animali ospiti del rifugio.

Le parole dell’associazione sono toccanti: «La nostra fervida speranza e desiderio è che questa sanguinosa guerra finisca. Uniamoci come comunità per sostenerci a vicenda di fronte a questa tragedia che sta colpendo sia umani che animali».

AEA Bethelem è costituita da 10 volontari e un guardiano che vive all’interno del rifugio. La stuttura ospita più di 100 cani, 10 cuccioli e 40 gatti. Diana, la responsabile, racconta che a casa sua ha al momento 9 cani (4 provenienti dal rifugio e gli altri recuperati dalla strada), 2 gattini e 15 gatti.

I contatti dell’associazione AEA Bethelem:

FB: https://www.facebook.com/Bethlehemshelter/
Ig: https://www.instagram.com/aeabethlehemshelter/
Sitohttps://www.bethlehemshelter.org/
Donazioni: https://heylink.me/BethlehemShelter/

Per partecipare alla raccolta fondi promossa in Italia dall’Oipa per gli animali vittime della guerra Israele-Hamasquesta è la pagina web con tutte le informazioni.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

OIPA. “La Mozione approvata non toglie i cavalli dalla strada. Facciamo chiarezza”.

Si è presentato questo documento come se l’abolizione delle botticelle fosse cosa fatta, m…