Home Cronaca Novara. Massacro di cervi e daini: Agricoltore segnalato alle autorità.

Novara. Massacro di cervi e daini: Agricoltore segnalato alle autorità.

2 minuto/i di lettura

Nel Novarese, precisamente ad Agrate Conturbia, un tranquillo centro abitato a sud del Lago Maggiore con poco più di 1.500 residenti, i carabinieri forestali sono rinvenuti ottanta carcasse di cervi e daini. Questa macabra scoperta ha portato alla denuncia di un agricolo locale, accusa di uccisione degli animali per crudeltà e senza necessità, porto abusivo di armi e furto venatorio.

La rivelazione della presenza di numerosi grandi ungulati uccisi è giunta ai carabinieri attraverso una segnalazione che denunciava un’anomala concentrazione di animali morti in un’area agricola. Giunti sul posto, i militari hanno individuato le carcasse, prevalentemente di maschi, presentanti evidenti segni di abbattimento da arma da fuoco.

Gli ungulati erano posizionati in prossimità degli uni degli altri, tutti nella stessa zona, e lo stato delle loro carcasse indicava un intervallo di tempo limitato tra gli episodi di abbattimento. Trovati nei campi, i cadaveri erano rimasti intatti. L’osservazione del luogo e le indagini condotte dai carabinieri forestali hanno progressivamente circoscritto il campo dei potenziali sospettati. Di conseguenza, la Procura di Novara ha emesso un decreto di ispezione sulle carcasse al fine di recuperare le munizioni.

L’obiettivo principale era conservare le munizioni per effettuare un confronto balistico, utile a identificare le armi impiegate negli abbattimenti avvenuti nei giorni precedenti. Inoltre, la Procura ha ordinato la perquisizione nei confronti di un sospettato, un agricoltore del luogo sprovvisto di licenza di caccia.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. Capretta seviziata e uccisa ad una festa di compleanno. Il P.M. chiede l’archiviazione.

Questo genere di delitti è indice di pericolosità sociale L’Organizzazione internazionale …