Home Comunicato stampa OIPA. CANI E GATTI. ALLA CAMERA BOCCIATA LA PROPOSTA DI REGOLAMENTO EUROPEO PER IL LORO BENESSERE E TRACCIABILITÀ.

OIPA. CANI E GATTI. ALLA CAMERA BOCCIATA LA PROPOSTA DI REGOLAMENTO EUROPEO PER IL LORO BENESSERE E TRACCIABILITÀ.

5 minuto/i di lettura

L’associazione, che agirà in tutte le sedi opportune affinché, al contrario, siano innalzati gli standard del benessere animale anche in Italia, chiede di essere audita dalla Commissione.

Cani e gatti d’allevamento meno tutelati in Italia, come vorrebbe invece la Commissione europea. È quel che ha ispirato, di fatto, il parere votato dalla Commissione Affari europei della Camera dei deputati che ha giudicato non conforme al principio di sussidiarietà la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al benessere di cani e gatti e alla loro tracciabilità. Lo rende noto l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che si dice stupita da quanto votato dalla XIV Commissione che, in tal modo fa arretrare le tutele quei quattrozampe che purtroppo sono oggetto di commercio, spesso anche illegale.

E così, la Commissione presieduta da Sergio Battelli spedisce al Parlamento europeo, al Consiglio e alla Commissione europea un parere difficilmente comprensibile da chi ama gli animali.

I commissari, a maggioranza, hanno votato un testo in cui si legge: “la proposta non risulta pienamente coerente con il principio di sussidiarietà, in quanto non appare adeguatamente motivata, sotto il profilo della necessità e del valore aggiunto, la scelta di procedere ad un’armonizzazione integrale della normativa di settore, che potrebbe comportare importanti oneri di spesa da parte degli allevatori non associati ad un reale beneficio per gli animali”.

E ancora nel testo viene “evidenziata altresì l’esigenza di sopprimere la previsione riguardante l’esigenza che cani e gatti dispongano di spazio sufficiente per socializzare” (articolo 12, paragrafo 2, lettera della proposta di regolamento).

Non basta questo, afferma l’Oipa, anche il meteo dev’essere meglio specificato (in peggio), poiché il parere richiama “l’esigenza di meglio specificare la previsione di cui all’articolo 12, paragrafo 3 in tema di protezione da condizioni climatiche avverse, correlandola esplicitamente a eventi climatici estremi”.

Infine la Commissione Affari europei sottolinea “l’opportunità di circoscrivere il divieto di tenere cani esclusivamente all’interno” (articolo 12, paragrafo 4).

L’Oipa, che agirà in tutte le sedi opportune affinché, al contrario, siano innalzati gli standard del benessere animale anche in Italia, chiederà di essere audita dalla Commissione.

Leggi il parere approvato dalla Commissione Affari europeti della Camera dei deputati

 

Leggi la proposta di regolamento europeo

OIPA Italia Odv – Organizzazione internazionale protezione animali, Organizzazione non governativa (ONG) affiliata al Dipartimento della Comunicazione Globale (DGC), al Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) e all’Assemblea permanente sull’Ambiente dell’ONU. Associazione riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/2007 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 24/8/2007) e dal Ministero della Salute (Decreto n. 6/2021 En. As. del 26/10/2021). Iscritta nel Registro unico nazionale del Terzo settore (numero di repertorio 98178). Indirizzo: Via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano – Tel. 02 6427882 Fax 1782206601

Se non vuoi più ricevere i nostri comunicati stampa, scrivi a [email protected]

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. Capretta seviziata e uccisa ad una festa di compleanno. Il P.M. chiede l’archiviazione.

Questo genere di delitti è indice di pericolosità sociale L’Organizzazione internazionale …