Home Comunicato stampa Presentato alla Camera dei Deputati il 1° Libro Bianco per la sostenibilità nella salute animale, umana e ambientale.

Presentato alla Camera dei Deputati il 1° Libro Bianco per la sostenibilità nella salute animale, umana e ambientale.

20 minuto/i di lettura

Realizzato da MSD Animal Health, offre strategie attuabili e raccomandazioni pratiche per aiutare i protagonisti del settore ad avere un impatto positivo sull’ambiente, sul benessere degli animali e sulla salute pubblica

arlare di One Health significa parlare dell’interconnessione fra specie, della ricerca del punto di equilibrio tra benessere umano e degli altri animali, sostenibilità economica e ambientale. 

La Salute Unica può essere raggiunta solo a patto di rispettare i diritti e le necessità di tutte le specie. Eppure, l’approccio One Health è spesso confinato alle discussioni fra addetti ai lavori e la popolazione fa fatica ad abbracciare comportamenti in linea con l’idea di salute globale.

Ecco perché MSD Animal Health, azienda leader nella salute animale, ha deciso di realizzare il primo Libro Bianco in Italia dedicato proprio alla sostenibilità nella salute animale, umana e ambientale, frutto del progetto multidisciplinare “ONE HEALTH: SOSTENIBILITÀ, BENESSERE E PREVENZIONE” dell’azienda grazie al quale giornalisti, docenti universitari, esperti del settore e associazioni di categoria si sono confrontati sulla Salute Unica, sul suo significato e sulla necessità di fare squadra per il benessere di tutti partendo da un ascolto della rete, dei consumatori e dei media sui temi sopracitati.

Il Libro Bianco – che è stato presentato il 28 novembre a Roma, alla Camera dei Deputati –infatti parte da una rivelazione importante: la mancanza di consapevolezza della circolarità del benessere tra mondo animale, umano e ambientale. Il concetto circolare di One Health sembra infatti ancora sfuggire al consumatore o talvolta sembra poggiare solamente su due dei tre elementi (uomo, ambiente, animale), abbinati di volta in volta in modo differente. 

Il 75% dei rispondenti tra i consumatori dice infatti di non conoscere l’approccio One Health ed è solo quindi parzialmente consapevole del filo che unisce le scelte di consumo orientate alla salute umana con il benessere animale e la sostenibilità.  

Dall’analisi delle conversazioni online emerge invece come, tra le fonti principali di informazione, si attestino i media, soprattutto online, che comprendono principalmente quotidiani nazionali e locali, testate specializzate e di lifestyle, insieme ai social network, che rappresentano anche il luogo favorito per il confronto, l’interazione e il coinvolgimento degli utenti, in particolare in merito ad aspetti legati all’emotività e alla sensibilità dei singoli individui.

Risulta quindi evidente l’importanza di affidarsi al parere degli esperti per veicolare informazioni corrette e combattere le fake news.

Da queste e molte altre evidenze si sono poste le basi della stesura del Libro Bianco, un documento di  71 pagine che approfondisce il ruolo fondamentale che gli operatori della filiera zootecnica, della salute animale e della comunicazione svolgono nel promuovere un futuro sostenibile per il nostro pianeta. Sottolinea la necessità di adottare approcci olistici che promuovano non solo il benessere degli animali ma anche la salute e la prosperità degli ecosistemi, delle popolazioni umane e del pianeta nel suo complesso. Sfata le principali fake news in tema di sostenibilità delle produzioni alimentari, di benessere e di salute animale.

E offre strategie attuabili e raccomandazioni pratiche per aiutare i protagonisti del settore ad avere un impatto positivo sull’ambiente, sul benessere degli animali e sulla salute pubblica.

Attraverso l’innovazione sostenibile, la gestione responsabile delle risorse e il processo decisionale etico, infatti, possiamo spianare la strada verso un futuro migliore per tutti.

I contenuti sono stati meticolosamente studiati e raccolti per fornire una panoramica completa delle sfide e delle opportunità nell’ambito della sostenibilità e del benessere degli animali. 

In ogni attività̀ e iniziativa che realizziamo sosteniamo e applichiamo da sempre l’approccio One Health, consapevoli dell’importanza di costruire un mondo in grado di accogliere tutte le specie che lo popolano” – ha spiegato Debora Orrico, Customer Value & Institutional Affairs Director Italy and Greece Cluster di MSD Animal Health. ”E questo Libro Bianco è il frutto del progetto One Health: sostenibilità̀, benessere e prevenzione, un percorso di ascolto e di condivisione. Ascolto delle conversazioni sul web, per avere una fotografia di come i temi della sostenibilità̀ e della salute globale siano vissuti dalla cittadinanza, ascolto degli stakeholder, ovvero coloro che lavorano nelle diverse filiere ma anche dei medici e dei consumatori al fine di condividere l’approccio One Health con tutti questi attori e con i giornalisti che si occupano dei temi della salute globale. Un approccio collaborativo, multisettoriale e multidisciplinare”. 

All’incontro hanno partecipato anche istituzioni politiche e scientifiche, esperti in sostenibilità e rappresentanti delle principali associazioni di categoria come UnaItalia (Unione Nazionale Filiere Agroalimentari Carni e Uova), Assica (Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi),  Assocarni (Associazione Nazionale Industria e Commercio Carni e Bestiame) e Assoavi (Organizzazione interprofessionale allevatori e produttori avicunicoli), che hanno condiviso le loro esperienze per esplorare le criticità e le opportunità in tema di sostenibilità ambientale e benessere animale.

Preservare la salute globale è possibile solo con la collaborazione multidisciplinare dei diversi settori coinvolti” – ha precisato Orrico – ”e l’approccio collaborativo del One Health, o Salute Unica, è la scelta vincente per assicurare il benessere collettivo. Noi di MSD Animal Health siamo da sempre al fianco dei professionisti della salute e ci impegniamo ogni giorno, investendo in tecnologia, ricerca e sviluppo e campagne per la prevenzione, affinché si faccia squadra per raggiungere obiettivi comuni e condivisi. Eventi come questo e i molti altri che ci vedono coinvolti sono l’esempio pratico di come sia importante fare sistema per raggiungere tali obiettivi”.

Questi, in sintesi, i principali temi trattati nel corso dell’incontro dai vari relatori:

  • Gaetana Ferri – Consigliere FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani) ha parlato del ruolo sentinella del medico veterinario nella prevenzione della salute degli animali e dell’uomo, delineando lo scenario rispetto alle malattie infettive in Italia.
  • Marco Melosi – Presidente ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) si è soffermato sull’evoluzione della figura del Medico Veterinario alla luce del ruolo sociale dei pet, spiegando come, nel corso degli anni, si sono evolute le relazioni fra uomo e animali da compagnia/pet e come questa nuova prossimità, in un unico ambiente, necessita di una maggiore attenzione in termini sanitari.
  • Ugo Della Marta – Direttore Generale della Direzione per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, Ministero della Salute ha affrontato il tema della sicurezza alimentare e della tracciabilità, soffermandosi anche su alcune fake news (ad esempio quelle sugli antibiotici) che interessano e coinvolgono numerosi consumatori.
  • Pierdavide Lecchini – Direttore Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario, Ministero della Salute ha illustrato le attività ministeriali per la tutela del benessere animale approfondendo le tematiche del contrasto all’antibiotico-resistenza e della biosicurezza nel settore animale alla luce della strategia “Farm to Fork” e vista la loro riconosciuta valenza “One Health”.
  • Massimo Marino – Ingegnere ambientale e Dottore di Ricerca in Life Cycle Assessment è intervenuto sulla sostenibilità degli allevamenti controllati e le criticità per la filiera, evidenziando quelle che sono a sua avviso le 3 necessità principali: proteggere i cittadini e le imprese dalle fake news, valorizzare le imprese che portano casi di successo e aiutare i giovani agricoltori e allevatori che sono il veicolo per l’innovazione.
  • Annapaola Rizzoli – Dirigente medico veterinario, Responsabile Unità di ricerca in Ecologia Applicata del Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach si è soffermata sui fattori che hanno determinato l’aumento di malattie da vettori a carattere zoonotico, tra le quali le malattie trasmesse dalle zecche, specificando quelle che, dal suo punto di vista, sono attualmente le principali necessità: piani di sorveglianza e adattamento, investimenti in ricerca scientifica, informazione e formazione (popolazione, personale sanitario), sorveglianza e trattamenti acaricidi efficaci sugli animali domestici.
  • Anna Teresa Palamara – Direttore Dipartimento Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) partendo da esempi concreti di impegni portati avanti dall’ISS, ha raccontato come si pone l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) rispetto all’approccio One Health. Ha riflettuto, inoltre, sulle finalità̀ – fra esse complementari – dell’approccio One Health, sottolineando come la componente umana non debba avere un ruolo “ancillare” ma debba esser considerata come uno dei pilastri dell’approccio.
  • Nicola d’Alterio – Direttore Generale dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”  si è soffermato sulle azioni di coordinamento per prevenire lo sviluppo e la diffusione delle zoonosi portando l’esperienza dell’IZS di Teramo che rappresenta il punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo per le zoonosi e per l’approccio One Health.
  • Davide Calderone – Direttore ASSICA (Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi) ha parlato della lotta allo spreco nella filiera suina, affrontando il tema delle tecnologie legate alla sostenibilità̀ ambientale e al benessere ambientale all’interno di un progetto pilota che potrebbe essere uno standard di definizione di allevamento sostenibile.
  • Lara Sanfrancesco – Direttore Generale Unaitalia (Unione Nazionale Filiere Agroalimentari Carni e Uova) si è concentrata sulla biosicurezza negli allevamenti presentando il mondo avicolo come best practices in ottica di sostenibilità̀ e One Health.
  • François Tomei – Direttore Generale ASSOCARNI (Associazione Nazionale Industria e Commercio Carni e Bestiame) ha presentato la filiera delle carni rosse e fatto una riflessione sui progressi compiuti dalla filiera e sulle numerose sfide ancora da affrontare tenuto conto dei benefici che derivano dal benessere animale nella filiera;
  • Stefano Gagliardi – Direttore ASSOAVI – Associazione Nazionale Allevatori e Produttori Avicunicoli ha presentato il settore delle uova al fine di fornire una conoscenza di dettaglio e trasmettere l’importanza di un bene prezioso come le uova;
  • Agostino Macrì – Professore Ispezione degli Alimenti Campus Biomedico Roma è intervenuto sulla sicurezza alimentare e sulla sostenibilità delle scelte alimentari ponendo l’accento sull’importanza di fare un debunking di notizie scientifiche false, sottolineando la corretta attività̀ di comunicazione e nella lotta alle fake news.
  • Fabrizio Vitale – Direttore C.Re.Na.L. (Centro di Referenza Nazionale per la Leishmaniosi, Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia)  è intervenuto sull’epidemiologia delle zoonosi negli animali da compagnia e, portando la sua esperienza come esperto di Leishmaniosi, si è concentrato sul tema della Leishmaniosi nel cane e nell’uomo, inquadrata in ottica One Health.

Informazioni su MSD Animal Health

Da oltre un secolo MSD, azienda leader a livello mondiale nel settore biofarmaceutico, sviluppa farmaci e vaccini per molte delle malattie più gravi al mondo al fine di preservare la salute e la vita di tutti. 

MSD Animal Health, nota come Merck Animal Health negli Stati Uniti e in Canada, è la divisione di MSD a livello globale dedicata alla salute animale. Attraverso il suo impegno nella Scienza per Animali più sani®, MSD Animal Health offre a Medici Veterinari, allevatori, produttori, proprietari di animali da compagnia e istituzioni, una delle più ampie gamme di farmaci, vaccini, soluzioni e servizi di gestione della salute in ambito veterinario, nonché una vasta gamma di tecnologie di identificazione, tracciabilità e monitoraggio digitali. MSD Animal Health si dedica a preservare e migliorare la salute oltre che il benessere degli animali e delle persone che si prendono cura di loro. Investe significativamente in ricerca e sviluppo oltre che in una moderna catena di approvvigionamento globale. MSD Animal Health è presente in più di 50 Paesi, mentre i suoi prodotti sono disponibili in circa 150 mercati. Per ulteriori informazioni, visitate http://www.msd-animal-health.it o seguiteci su LinkedIn, Instagram e Facebook.Per ulteriori informazioni, visitate http://www.msd-animal-health.it o seguiteci su LinkedIn, Instagram e Facebook.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Proteggere le creature del mare: un obiettivo a portata di mano.

Da anni, un team di ricercatori e scienziati dell’Università di Siena, noti come i &…