Home Attualità Proteggere gli animali domestici durante i festeggiamenti di capodanno: alcuni suggerimenti.

Proteggere gli animali domestici durante i festeggiamenti di capodanno: alcuni suggerimenti.

5 minuto/i di lettura

Si avvicina l’ultima celebrazione dell’anno: il Capodanno. Mentre molti optano per festeggiamenti in piazza, c’è chi preferisce brindare tra le mura domestiche in compagnia dei nostri amici a quattro zampe. Tuttavia, in questa situazione, è importante essere consapevoli del potenziale disagio che i botti di Capodanno possono causare ai nostri animali domestici.

Esploriamo insieme le paure degli animali durante il Capodanno, scoprendo le ragioni dietro tali timori e comprendendo come proteggerli.

Innanzitutto, cani e gatti sono spesso i primi a manifestare timore nei confronti dei fuochi d’artificio, ma non sono gli unici. Anche mucche, caprette e molti altri animali in libertà reagiscono con paura di fronte a tali esplosioni. Questo perché gli animali possiedono un udito significativamente più sviluppato rispetto agli esseri umani, rendendo le detonazioni fonte di notevole angoscia per loro.

La reazione di paura può spingerli a comportamenti istintivi eccessivi, come fughe o la perdita dell’orientamento, mettendo a rischio la loro sicurezza e quella di chi li circonda. I sintomi che manifestano sono simili a un autentico “attacco di panico”, e purtroppo, in molti casi, alcuni animali perdono la vita a causa dello stress provocato dalla paura.

Riconoscere Segnali di Paura nei Tuoi Animali Domestici Durante i Botti.

Quali Sono i Segnali di Stress negli Animali Durante i Fuochi d’Artificio del Capodanno?

I comportamenti manifestati dagli animali in seguito a un forte spavento o a un “attacco di panico”, come ad esempio durante i botti dei fuochi d’artificio dell’ultimo dell’anno, possono assumere varie forme. Di solito, tali situazioni provocano reazioni che risultano essere decisamente incontrollate e difficili da gestire, come:

  1. Feci o minzioni improvvise, segnali di stress fisiologico;
  2. Fughe per cercare di allontanarsi dallo spavento, con il rischio di possibili momenti di disorientamento;
  3. Tentativi di infrangere ostacoli nella fuga, a volte comportamenti pericolosi;
  4. Mordere qualsiasi cosa o persona lungo il proprio percorso, come reazione istintiva;
  5. Manifestazione di una mancanza di fiducia nel padrone o, al contrario, una ricerca eccessiva di protezione da parte del padrone.

Riconoscere questi segnali è essenziale per comprendere lo stato emotivo degli animali e adottare misure adeguate per garantire il loro benessere durante eventi stressanti come i fuochi d’artificio.

Strategie per Salvaguardare gli Animali dai Botti di Capodanno.

L’Organizzazione Internazionale Protezione Animali ha delineato alcune opzioni pratiche per alleviare al massimo il disagio degli animali domestici e preservare la loro salute durante i festeggiamenti del Capodanno:

  1. Tenerli il più lontano possibile dai rumori: Isolarli in una stanza interna della casa dove il rumore possa essere attutito.
  2. Accendere la televisione durante i festeggiamenti: L’utilizzo del suono della televisione può contribuire a confondere il rumore delle esplosioni, offrendo un ambiente meno stressante.
  3. Evitare di tenere gli animali all’esterno: Mantenerli all’interno della casa e non lasciarli nel giardino durante i momenti critici.
  4. Evitare luoghi affollati e rumorosi: Se possibile, evitare di trascorrere il Capodanno in luoghi con folla e forte rumore, offrendo un ambiente più tranquillo ai nostri amici a quattro zampe.
  5. Restare vicini agli animali: Nel caso in cui sia impossibile evitare i botti, rimanere vicini al proprio cane o gatto per fornire un supporto rassicurante.
Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Demistifichiamo i luoghi comuni sugli animali: sì, possiedono una coscienza.

Il regno animale è ricco e diversificato, e contrariamente a quanto si crede, non è solo l…