Home Comunicato stampa Animali feriti e uccelli caduti dal nido, per i volontari è emergenza – WWF: Manca un centro di recupero fauna nel nisseno.

Animali feriti e uccelli caduti dal nido, per i volontari è emergenza – WWF: Manca un centro di recupero fauna nel nisseno.

6 minuto/i di lettura

WWF: “MANCA UN CENTRO RECUPERO FAUNA NEL NISSENO, CITTADINI ED ISTITUZIONI SI RIVOLGONO A NOI MA NON POSSIAMO FARE MIRACOLI”

L’Associazione ambientalista stigmatizza la mancata istituzione di un apposito Centro provinciale, così come previsto dalla legge regionale sulla fauna n. 33 del 1997, e chiede l’intervento del Presidente della Regione Schifani.

Rapaci feriti, uccelli caduti dal nido ancora inabili al volo, Ricci investiti: sono decine gli animali feriti o in difficoltà che vengono ritrovati da cittadini sensibili e sottratti a sicura morte, ma poi trovare un posto dove possano essere curati diventa un calvario! «Settimanalmente riceviamo richieste di aiuto da tutto il Nisseno, sia da cittadini sia da enti pubblici ed organi istituzionali, relative ad animali selvatici bisognosi di cure. A tutti rispondiamo che, nostro malgrado, non possiamo farcene carico – dichiara il Presidente di WWF Sicilia Centrale OdVEnnio Bonfanti – perché non siamo autorizzati e non disponiamo di strutture adeguate: l’unico Centro recupero fauna selvatica regionale si trova a Ficuzza (PA) a ben 120 km da Caltanissetta con un viaggio di due ore… I nostri volontari non ce la fanno più ad affrontare questa emergenza che, a causa di caldo e siccità, diventa ogni giorno sempre più grave e diffusa. E’ da poco iniziata l’estate – periodo di nidificazione e riproduzione della fauna selvatica – e non sappiamo come poter affrontare i prossimi mesi caldi fino all’autunno».

Una settimana fa è stato recuperato un falco Gheppio con un’ala ferita ritrovato nelle campagne di Serradifalco (CL) e segnalato ad una volontaria del posto, Antonella Lovalente, che si è subito messa in contatto con il WWF. Qualche giorno addietro, invece, un giovane esemplare di Poiana debilitato è stato recuperato nei dintorni di Caltanissetta e subito soccorso dal veterinario dott. Andrea Cortese; anche in questo frangente è subito intervenuto il WWF per attivare le procedure previste.

In entrambi i casi – prosegue Bonfanti – abbiamo contattato la Ripartizione Faunistico Venatoria di Caltanissetta, l’ufficio periferico del Dipartimento Sviluppo Rurale della Regione competente in materia di tutela della fauna, chiedendo di provvedere al trasferimento presso il Centro recupero di Ficuzza. Così gli animali sono stati consegnati al Centro grazie al personale del Distaccamento di Caltanissetta del Corpo Forestale, che ha appositamente organizzato la trasferta nonostante la carenza di uomini e lo stato di emergenza incendi”.

In questo periodo, in particolare, a causa dell’ondata di caldo eccessivo i volontari WWF devono fare i conti con decine e decine di giovani Rondoni che si lanciano fuori dai nidi senza ancora essere in grado di volare, nel vano tentativo di sfuggire alle temperature roventi sui tetti delle case dove nidificano. Una volta caduti a terra e impossibilitati a spiccare il volo, sono inesorabilmente destinati ad una lenta, crudele morte certa…

Il WWF, quindi, Rinnova la richiesta alla Regione di provvedere celermente ad attuare ed applicare quanto già previsto all’articolo 6 della legge regionale n. 33 del 1997 sull’istituzione dei Centri provinciali per il “il soccorso, la detenzione temporanea, il recupero in ambienti idonei e, ove possibile la successiva liberazione della fauna selvatica in difficoltà”: «nelle province dove operiamo, ossia Caltanissetta ed Enna, non esistono Centri Recupero Fauna autorizzati – rileva il Presidente WWF Bonfanti – in quanto attualmente tali centri sono stati istituiti solo nelle province di Messina ed Agrigento, oltre al centro regionale di Ficuzza. Ma anche queste strutture sono ormai sature perché hanno ricoverato centinaia di animali… Nei prossimi giorni invieremo al Presidente della Regione on. Renato Schifani un dettagliato documento con proposte operative per affrontare questa vera e propria emergenza che durerà per tutta l’estate».

Seguici su

Facebookfacebook.com/wwfsiciliacentrale; Instagraminstagram.com/wwfsiciliacentrale; X.com: twitter.com/WWFSiciliaCentr ;  YouTube: youtube.com/channel/UCdrFpYFD5MVkirasAhT_XHQ

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

OIPA. “La Mozione approvata non toglie i cavalli dalla strada. Facciamo chiarezza”.

Si è presentato questo documento come se l’abolizione delle botticelle fosse cosa fatta, m…