Home Attualità Basta sfruttare gli animali per il foie gras: l’Italia alla guida della battaglia.

Basta sfruttare gli animali per il foie gras: l’Italia alla guida della battaglia.

3 minuto/i di lettura

Mettere l’Italia in Prima Linea contro il Foie Gras: Una Coalizione di Associazioni Animaliste Lancia un Appello al Ministro dell’Agricoltura

Un’importante coalizione di associazioni animaliste italiane, tra cui Animal Equality, Animalisti Italiani, Essere Animali, Lav, Lndc Animal Protection e Oipa, ha recentemente rivolto un appello al Ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida. L’obiettivo è chiaro: schierare l’Italia in prima linea nella lotta contro la produzione di foie gras, un prodotto tipico della cucina francese e belga, ma diffuso anche in molte altre nazioni.

Il foie gras è ottenuto attraverso un processo altamente controverso che coinvolge l’alimentazione forzata di oche e anatre, causando una malattia del fegato chiamata steatosi epatica. Questo processo comporta l’inserimento di un tubo direttamente nello stomaco degli animali per somministrare grandi quantità di cibo, portando gli animali a quasi raddoppiare il loro peso in pochi giorni.

La richiesta delle associazioni animaliste è chiara: chiedono al Ministro Lollobrigida di sostenere a livello europeo l’abolizione dell’alimentazione forzata per la produzione di foie gras, eliminando il requisito dei pesi minimi del fegato di anatre e oche. Questa richiesta è in linea con la posizione dell’Italia, che ha già vietato la produzione di foie gras nel 2001.

Anche se la maggior parte degli Stati membri dell’Unione Europea si è schierata contro l’alimentazione forzata degli animali, ancora cinque Paesi, tra cui Francia, Ungheria, Bulgaria, Spagna e Belgio (limitatamente alla regione della Vallonia), continuano questa pratica crudele.

Le associazioni animaliste sottolineano che l’alimentazione forzata è dannosa per gli animali e non ha alcuna base scientifica o tradizionale. Anche istituzioni come il Comitato scientifico veterinario dell’Unione Europea e la FAO hanno condannato questa pratica per il suo impatto negativo sul benessere degli animali.

Nonostante le pressioni dei Paesi produttori, è fondamentale che l’Unione Europea ponga fine a questa pratica crudele e obsoleta. Il Ministro Lollobrigida ha l’opportunità di far sentire la voce dell’Italia in Europa su questo tema cruciale per il rispetto degli animali.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Animali domestici: gli italiani sono i secondi in Europa per numero di possessori.

Con 32 milioni di animali domestici, l’Italia si colloca al secondo posto in Europa,…