Home Attualità I polli arrossiscono: un nuovo indicatore del benessere animale.

I polli arrossiscono: un nuovo indicatore del benessere animale.

3 minuto/i di lettura

Anche i polli manifestano le loro emozioni, e lo fanno arrossendo. Un nuovo studio condotto dall’Università di Tours in Francia e pubblicato sulla rivista Applied Animal Behavior Science ha evidenziato che le espressioni facciali dei polli, in particolare le guance e i lobi auricolari, diventano più rossi in situazioni di forte eccitazione o paura, mentre assumono tonalità più chiare durante momenti di calma e tranquillità.

La ricerca, guidata dall’etologa Delphine Soulet, è stata motivata da precedenti studi che hanno dimostrato che alcune specie di uccelli, come il pappagallo Ara e l’avvoltoio, possono mostrare arrossamenti cutanei in risposta a stati emotivi specifici. Soulet e il suo team hanno voluto investigare se questo fenomeno si estendesse anche ai polli domestici (Gallus gallus domesticus).

Per condurre lo studio, sono state registrate sei galline in diverse situazioni, inclusi momenti di gioia durante il pasto o il bagnetto di sabbia, e momenti di spavento causati dall’interazione con gli esseri umani. Attraverso l’analisi di migliaia di immagini con l’ausilio di un algoritmo appositamente sviluppato, i ricercatori hanno valutato l’intensità del rossore sulla cresta, sulle guance, sui lobi auricolari e sul bargiglio durante le diverse esperienze.

I risultati preliminari dello studio suggeriscono che un rossore ridotto sulle guance e sui lobi auricolari potrebbe indicare stati di tranquillità e soddisfazione, mentre un aumento del rossore sembra correlarsi con stati emotivi di eccitazione, sia positivi (come l’entusiasmo per il cibo) sia negativi (come la paura di essere catturati).

Per confermare tali conclusioni, i ricercatori hanno esaminato il comportamento di 13 galline abituate alla presenza umana rispetto a 12 galline lasciate isolate per settimane. Ne è emerso che le galline abituate alla presenza umana mostravano un minor livello di paura e un arrossamento cutaneo significativamente inferiore rispetto alle galline isolate. Questi risultati suggeriscono che le variazioni nell’arrossamento cutaneo possono riflettere le variazioni degli stati emotivi e possono essere utilizzate come indicatore per valutare la qualità delle interazioni tra esseri umani e polli.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Animali domestici: gli italiani sono i secondi in Europa per numero di possessori.

Con 32 milioni di animali domestici, l’Italia si colloca al secondo posto in Europa,…