Home Comunicato stampa LNDC Animal Protection. Alcamo (TP): La morte della cagnolina Nina non è stata un incidente.

LNDC Animal Protection. Alcamo (TP): La morte della cagnolina Nina non è stata un incidente.

4 minuto/i di lettura

ALCAMO, LA MORTE DI NINA NON È STATA UN INCIDENTE LNDC ANIMAL PROTECTION: “IL RESPONSABILE DOVRÀ PAGARE”

Le immagini del video sono molto chiare e non lasciano dubbi: l’auto ha sterzato di proposito per investire e uccidere la povera cagnolina. L’associazione era in possesso del video dal primo momento, dato che Nina era accudita da un volontario della sezione di Alcamo della LNDC. Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection: “Abbiamo scelto di non condividerlo dall’inizio per rispetto della fase investigativa, ma ora che è pubblico possiamo dirlo: la persona è stata identificata e faremo di tutto affinché paghi per ciò che ha fatto”

Quella di Nina è la storia di una cagnolina che è stata tanto amata e la sua uccisione ha lasciato un vuoto immenso. Nina era una delle figlie di una cagnolina randagia, che aveva scelto di partorire dove lavora Gabriele, un attivista della Sezione LNDC di Alcamo. Con il sesto senso che hanno spesso gli animali, lì aveva capito che sarebbe stata al sicuro e infatti aveva trovato accoglienza e amore. Quando erano ancora molto piccoli, i cuccioli si ammalarono e Nina si era rivelata essere quella più fragile del gruppo. Per questo, Gabriele aveva dedicato a lei ancora più attenzioni che agli altri e tra loro si era creato un legame fortissimo.

Dopo la sterilizzazione, Nina, la sua mamma e la sua sorellina sono rimaste a vivere lì, con tanto spazio a disposizione e libere di poter entrare e uscire dalla proprietà, sapendo di poter contare sempre su Gabriele per tutto ciò di cui avevano bisogno. Hanno vissuto lì per 4 anni, senza mai avere né creare problemi a nessuno. Non è possibile quindi immaginare lo strazio del volontario quando ha visto il filmato delle videocamere di sorveglianza che non lasciavano alcun dubbio: Nina era stata uccisa volontariamente.

“Ora che il filmato è diventato di pubblico dominio possiamo dire che è stato proprio il nostro attivista Gabriele a fornirlo alle forze di polizia, affinché identificassero la persona che di proposito ha sterzato con il preciso intento di investire la povera Nina. Finora non avevamo potuto divulgare questa informazione per rispetto della fase investigativa, ma a questo punto non ha più senso tacere. Le immagini parlano chiaro e dal primo momento è stato subito lampante che quella di Nina non è stata una morte accidentale, ma un deliberato gesto crudele fatto per motivi che sinceramente non si possono comprendere. Di certo questa cosa non potrà e non dovrà restare impunita, abbiamo già sporto denuncia e faremo tutto ciò che possiamo affinché questa persona paghi per quello che ha fatto anche se il dolore di Gabriele per la perdita di Nina non potrà essere ripagato”, commenta Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

Regno Unito. Vietata l’esportazione di animali vivi per macellazione. Gli attivisti: “È una vittoria”.

Dopo 50 anni di lotte da parte delle organizzazioni animaliste, la Gran Bretagna è finalme…