Home Associazioni Orsi trentini. OIPA: “Dal Presidente del Parco Adamello Brenta parole inquietanti”.

Orsi trentini. OIPA: “Dal Presidente del Parco Adamello Brenta parole inquietanti”.

3 minuto/i di lettura

L’associazione ricorda come Walter Ferrazza, dichiarato cacciatore, fu tra quelli che auspicavano l’abbattimento dell’orsa Daniza

Apprendiamo che il presidente del Parco Adamello Brenta, Walter Ferrazza, vorrebbe che si avviasse un “programma carattere tecnico-scientifico e socio-economico finalizzato alla individuazione di una soglia numerica di orsi tollerabile sul territorio” per una loro “accettazione nel medio e lungo termine”. Parole inquietanti, afferma l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che arrivano proprio all’indomani dell’approvazione della legge della Provincia autonoma di Trento che prevede l’abbattimento fino a otto orsi l’anno.

È questa una deriva che, nel parlare di “tolleranza”, sottintende un atteggiamento d’intolleranza, afferma l’Oipa. E queste parole arrivano da un dichiarato cacciatore, qual è Walter Ferrazza, sindaco di Bocenago  (TN), che nel settembre 2014 affermava di volere intervenire “direttamente e personalmente” alla cattura immediata o all’abbattimento dell’orsa Daniza, che durante le operazioni di cattura morì lasciando orfani i suoi due cuccioli.

«Era ed è necessaria una loro attenta gestione. Secondo il Parco gli orsi problematici devono essere sottratti alla vita libera», dichiara inoltre il presidente FerrazzaEbbene, sottolinea l’Oipaproprio un’attenta gestione della popolazione ursina non vi è stata nel territorio governato dal presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, e dalla sua Giunta.

Una corretta e adeguata gestione della fauna e dei grandi carnivori dovrebbe essere messa in atto nel rispetto della legislazione italiana ed europea, nonché dell’articolo 9 della Costituzione, e non certo a colpi di catture e abbattimenti. E tantomeno puntando, come sta facendo certa parte politica, a declassare la protezione di orsi e lupi per consentirne la caccia, conclude l’associazione. L’Oipa si opporrà in tutte le sedi affinché questo non avvenga, confidando anzitutto nel buonsenso dell’Unione Europea e, a cascata, della politica nazionale, anche nel rispetto della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica che è amica della biodiversità.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Associazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Roma. Al Bioparco è nata una otaria della California, secondogenita di Samantha e Boomer.

La famiglia di otarie della California del Bioparco di Roma si è allargata: dopo la femmin…