Home Attualità Ecco l’orango che si auto-curerebbe con le erbe: il primo caso osservato di auto-medicazione animale.

Ecco l’orango che si auto-curerebbe con le erbe: il primo caso osservato di auto-medicazione animale.

2 minuto/i di lettura

Un orango di nome Rakus auto-curato con erbe medicinali: un nuovo capitolo nell’automedicazione animale

Un orango di nome Rakus, residente nell’area di Suaq Balimbing sull’isola di Sumatra, ha sorpreso i ricercatori del Max Planck Institute con un atto di auto-cura senza precedenti. Dopo aver subito una ferita al volto, probabilmente durante un conflitto territoriale, Rakus si è impegnato in uno straordinario comportamento.

Osservazioni dettagliate hanno rivelato che Rakus ha selezionato foglie di una pianta conosciuta come Fibraurea tinctoria, nota anche come Akar Kuning, le ha masticate e ha applicato l’impasto risultante sulla sua ferita. Questo processo, ripetuto più volte, ha richiesto diversi minuti per essere completato, dimostrando un livello di precisione e consapevolezza sorprendente.

La Fibraurea Tinctoria è stata scelta con cura da Rakus, poiché contiene molecole con proprietà antibatteriche e antiinfiammatorie, come i furanoditerpenoidi, utili per la guarigione. Questo comportamento osservato dagli studiosi rappresenta il primo caso documentato di un animale che si automedica in modo consapevole ed efficace.

L’automedicazione negli animali non è una novità, ma spesso gli esempi conosciuti mancano di una chiara verifica scientifica dell’efficacia del trattamento. Tuttavia, l’auto-cura di Rakus con le erbe medicinali offre un raro e convincente esempio di automedicazione animale documentata, aprendo nuove prospettive sulla comprensione del comportamento selvatico e delle capacità di auto-cura negli animali.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. NATURE RESTORATION LAW. APPROVATA LA LEGGE EUROPEA PER IL RIPRISTINO DELLA NATURA, MA L’ITALIA HA VOTATO CONTRO.

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) accoglie con grande soddisfazion…