Home Canili Capoterra (CA). Viene inaugurata un’oasi per gli animali abbandonati.

Capoterra (CA). Viene inaugurata un’oasi per gli animali abbandonati.

2 minuto/i di lettura

Viene istituita un’oasi per gli animali abbandonati che accoglierà una vasta gamma di specie, tra cui cani, gatti, asini, cavalli, capre, conigli e tartarughe. Il responsabile del progetto, Sorgia, sottolinea che questa struttura non sarà soltanto un rifugio, ma includerà anche servizi come guardie zoofile per garantire il benessere degli animali e un’ambulanza veterinaria per le emergenze mediche.

Quasi tutto è pronto per accogliere i quattro zampe meno fortunati nella nuova struttura, che sarà gestita dal Centro cinofilo Ssd Doris in base a una convenzione stipulata con il Comune. “Sono lieto di annunciare l’imminente apertura dell’Oasi”, ha dichiarato il sindaco Beniamino Garau. “Questo progetto era una promessa del nostro programma elettorale ed è stato una delle nostre priorità fin dall’insediamento. Con impegno, pazienza, analisi e determinazione, realizzeremo un luogo accogliente per gli animali bisognosi.”

“Abbiamo lavorato silenziosamente per mesi per creare una risorsa fondamentale per il nostro territorio. Sono certo che i cittadini di Capoterra e oltre ci sosterranno nel rendere questo progetto straordinario una realtà. Non dimenticheremo di estendere il nostro aiuto anche ai cani del canile e alla Casa di Bingo, che da anni si impegna instancabilmente”, ha dichiarato Silvia Sorgia, assessore al Patrimonio. Un ringraziamento speciale è stato rivolto a Laura Figus, che ha creduto nel progetto e ha lavorato incessantemente per rendere realtà.

Il progetto prende vita negli ex locali del maneggio; sebbene alcuni lavori siano ancora in corso, presto saranno completati e il progetto prenderà il via, contribuendo al benessere degli animali della zona.

Carica altri articoli correlati
Carica più articoli in Canili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi anche

OIPA. Sequestrati due cuccioli costretti a vivere in gabbia. Usciva solo per fare giocare i bambini.

L’Oipa invita a non ignorare casi di degrado e maltrattamento di cui si sia a conoscenza e…